La delicata storia di affetto tra un nipote e un nonno che supera le barriere della morte

Come chi cammino, la nuova uscita per Marco Federici in DM Blanco

Un giovane universitario che si perde a osservare le stranezze delle persone che lo circondano. Un nonno che scala montagne e scolpisce statue di legno con gli occhi chiari.

Dal loro rapporto stretto nasce una storia delicata e piena di affettuosa nostalgia per una donna bellissima che non c’è più.

Dopo la scomparsa del nonno, il protagonista si trova a ripercorrerne le tracce su impervi monti innevati, alla ricerca di qualcosa, per capire un messaggio che il vecchio gli ha lasciato e che solo dopo tanto tempo riuscirà a decifrare. Resterà così l’unica domanda a cui non riuscirà dare risposta: “Come chi cammino?”.

Io spegnevo la tv, lo raggiungevo, lo aiutavo a girare la vetrinetta e, spesso, finivo per fermarmi lì, incantato. Innanzitutto per l’odore. Aprivi la porta e ti colpiva per quanto fosse forte. Era uno schiaffo di segatura e resine. Un’aria densa, probabilmente non tanto salutare, che insieme alla mancanza di una luce degna ti dava l’impressione di entrare in un luogo di culto. Come in una cripta traboccante d’incenso. Odorava di mistico.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*